Garaventa rende accessibile il più grande “Museo dei Bambini” del mondo.

Un altro elevatore Garaventa Lift rende accessibile una nuova casa sull’albero.

Solo qualche mese fa vi abbiamo presentato il progetto di accessibilità per gli uffici sugli alberi di Microsoft. (Scopri i dettagli del progetto “Microsoft”).

Oggi vi presentiamo questo entusiasmante progetto che ha visto l’installazione di un elevatore Garaventa Lift nella casa sull’albero al “Museo dei Bambini” di Indianapolis.

Il “Museo dei bambini” più grande del mondo 

Il “Museo dei Bambini” fondato nel 1925 è il più grande museo dei bambini al mondo.
In circa 44 mila metri quadri i bambini possono esplorare, conoscere, sperimentare e giocare in assoluta libertà.

Il museo nasce con l’intento di coniugare l’attività formativa e quella ludica in un contesto divertente che lascia spazio alla fantasia. Ogni anno il Museo accoglie milioni di persone tra famiglie e scolaresche che desiderano divertirsi e imparare in un ambiente sicuro e davvero innovativo.

La casa sull’albero per bambini accessibile con Garaventa Lift

Garaventa Lift ha accettato questo progetto fuori dagli schemi con la consapevolezza di poter personalizzare nelle forme e funzionalità l’elevatore ma, soprattutto, per poter dare la possibilità a tutti i bambini disabili di poter giocare senza barriere.

Per rendere accessibile la casa sull’albero – la nuova attrazione del Museo – Garaventa Lift ha realizzato un elevatore che risponde ai requisiti di accessibilità del mercato Americano.

In Europa, Garaventa Lift propone gli elevatori Elvoron e Opal che permettono di superare grandi e piccoli dislivelli rispondendo ai requisiti delle normative locali.

Photo credit: childrens museum
Il "museo dei bambini" di Indianapolis
casa-albero-indianapolis-museo-dei-bambini-elevatore-garaventa-2
La casa sull'albero resa accessibile da Garaventa Lift
elevatore-bambini-disabili-garaventa
Elevatore Garaventa installato nella casa sull'albero

Chiedete maggiori informazioni

Jesi per il seminario “Tecnologie e Design di qualità- Ancona”

Il 31 Gennaio 2019, Garaventa incontrerà i progettisti a Jesi nelle Marche nel corso del seminario di formazione professionale “Tecnologie e Design di qualità” organizzato da Voce di Capitolato.

Garaventa Lift è stata chiamata per formare i progettisti sul tema dell’accessibilità e informare sulle caratteristiche dei servoscale per disabili, montascale per anziani ed elevatori per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Il seminario è accreditato dall’Ordine degli Architetti di Ancona e il Collegio dei Periti Industriali di Ancona e Macerata.

L’iscrizione al seminario è gratuita.

Appuntamento quindi per Giovedì 31 gennaio 2019 ore 14.00

 
Circolo Cittadino Jesi
Via XX Settembre, 2
Jesi (AN)
 
Iscrizione gratuita. QUI.
Le iscrizioni terminano il 31/01/2019

Chiedete maggiori informazioni

La grande importanza del monta scale per gli anziani con difficoltà di deambulazione.

I monta scale rivestono oggi una grande importanza nella vita degli anziani e nelle loro attività quotidiane.
La diminuzione delle forze e delle capacità di deambulazione da parte delle persone anziane può provocare problemi per la qualità della vita: è dimostrato che queste difficoltà portano a spiacevoli incidenti domestici (il più comune è la caduta dalle scale) e alla tendenza dell’anziano a isolarsi.

L’anziano che si isola perde interesse verso le attività quotidiane, ad interagire con gli altri e a vivere la propria vita serenamente.

Considerate l’idea di installare un montascale nella vostra casa per contrastare l’insorgere di tutte queste problematiche.

Garaventa Lift propone monta scale su misura e dai comandi e funzioni semplici, alla portata di tutti.

Utilizzando tutti i giorni un monta scale la persona anziana può effettuare tutte le attività che desidera, uscire di casa, incontrare gli amici e i nipoti.

Scale in sicurezza e montascale: un binomio perfetto.

I montascale a poltroncina sono tra gli ausili più gettonati ma sempre più spesso si valuta anche l’idea di un montascale a piattaforma.

Le innovazioni non mancano e infatti i moderni montascale sono realizzati con tutti i comfort e i più diversi materiali, finiture e accessori.

Montascale su misura di scala o standard?

Le scale nelle nostre case sono tutte differenti, per numero di gradini, per forma, per ampiezza delle curve e per materiali. Per ogni scala c’è un montascale che grazie ad una progettazione su misura si adatterà alla perfezione senza sprechi di spazio e perfettamente coordinato con tua casa.

Non esistono montascale “standard”: nessuna scala e nessuna persona è uguale all’altra. 
Il tuo montascale viene realizzato in base alla struttura della scala, al numero di gradini, inclinazione e tanti altri dettagli. Per questo Garaventa Lift offre gratuitamente un sopralluogo.

Se vuoi conoscere la gamma di montascale Garaventa Lift, clicca su MONTASCALE A POLTRONCINA.

Chiedete maggiori informazioni

Montascale in condominio: Garaventa Lift per gli amministratori.

I montascale in condominio possono avere caratteristiche differenti sulla base dei piani dell’edificio, le esigenze dei condomini e la larghezza della scala oltre alla sua vicinanza alla porta d’ingresso. Garaventa Lift propone soluzioni per l’abbattimento barriere adatte a qualsiasi tipo di scala condominiale:

  • montascale in condominio per servire più rampe di scale con fermate intermedie
  • montascale per rampa di accesso all’ascensore
  • servoscala con minimo ingombro sulla scala
  • per gli ingressi, montascale per scale esterne
  • montascale a poltroncina
  • servoscala a piattaforma con poltrona integrata
  • montascale con guida ribaltabile

Montascale in condominio. Chi paga? 
Le spese per l’installazione del montascale sulle parti comuni sono a carico dell’intero Condominio, qualora l’intervento venga approvato dall’assemblea con ripartizione dei costi pro quota fra i condomini.
In caso contrario, rimane ferma la possibilità del condomino disabile (o del suo tutore) di gravarsi personalmente delle spese per interventi di modifica dell’edificio condominiale finalizzati alla rimozione delle barriere architettoniche, come, appunto, la messa in opera del montascale a muro, la realizzazione di rampe per il disabile (per facilitare l’accesso in carrozzina del disabile in caso di locale a piano rialzato), o l’installazione dell’ascensore esterno.
Gli interventi sulle parti comuni condominiali per l’installazione del montascale per il disabile e per qualsiasi altro manufatto o bene mobile finalizzato al superamento di eventuali barriere architettoniche dovranno comunque essere realizzati dal singolo condomino senza alterare la destinazione del bene comune e senza impedire il pari uso dello stesso agli altri condomini (art. 1102 c.c). Sul punto, in particolare, il nuovo art. 1120 c.c. – riscritto dalla legge di riforma del condominio n. 220/2012 – dispone che i condomini possono disporre “tutte le innovazioni dirette al miglioramento o all’uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comune”. Tra queste, la norma richiama espressamente “le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche” che, tuttavia, vanno realizzare in modo tale da non poter “recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, senza alterare il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino”.

Le agevolazioni per la realizzazione di tale impianto.

 
La realizzazione, dell’impianto di trattazione, poiché non richiede generalmente la necessità di effettuare opere murarie, non è considerata opera edilizia e, dunque, non necessita di particolari autorizzazioni amministrative.
La Legge di stabilità 2016 ha prorogato gli incentivi fiscali fino al 31.12.2019 per ristrutturazione edilizia, riqualificazione energetica ed abbattimento delle barriere architettoniche. Il rimborso statale può coprire il 50% della spesa effettuata per l’acquisto di un montascale a piattaforma o a poltroncina. Il tempo di erogazione della detrazione per l’acquisto di un ausilio per l’abbattimento delle barriere architettoniche è di dieci anni: 10 quote di pari importo ripartite in dieci anni, una nell’anno di sostenimento delle spese e le altre nei nove anni successivi.

La normativa di riferimento

 La normativa di riferimento. La disciplina codicistica deve essere coordinata con le norme speciali stabilite dalla legge n. 13/1989 per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. Con particolare riferimento agli edifici condominiali, l’art. 2 della predetta legge dispone che le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche, nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all’interno degli edifici privati, devono essere approvati dall’assemblea di condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall’art. 1136, comma 2 e 3, c.c.
Il secondo comma dello stesso articolo prende in esame l’ipotesi in cui il Condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le suddette deliberazioni. Ricorrendo tale ipotesi, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la tutela o la potestà, possono installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l’ampiezza delle porte d’accesso, al fine di rendere più agevole l’accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages.
La giurisprudenza di merito ha chiarito che il disabile non è titolare di alcuna azione di condanna ad un facere nei confronti del Condominio,ma può ottenere dal giudice l’accertamento del proprio diritto ad eseguire a proprie spese le opere in questione, in contraddittorio con i condomini che contestano tale diritto (Trib. Napoli 4.6.2008). Il condomino diversamente abile può altresì tutelare il suo diritto ad eseguire a proprie spese le innovazioni in esame anche in via cautelare urgente ex art. 700 c.p.c., qualora nel tempo occorrente a far valere per le vie ordinarie tale diritto innanzi al giudice, questo sia minacciato da un pregiudizio imminente ed irreparabile(Trib. Milano 24.10.2003).

Fonte http://www.condominioweb.com/installare-un-montascale-in-condominio.11327#ixzz3tLXl5LIt 
www.condominioweb.com  

Chiedete una consulenza gratuita per i vostri condomini cliccando qui

montascale condominio
Montascale in condominio (X3)
condominio accessibile con elevatore
Elevaore Opal per ingresso condomniale
Montascale in Umbria per condominio di 3 piani - 6 rampe.
Montascale a poltroncina per condominio

Chiedete maggiori informazioni

Montascale ed elevatori: le detrazioni per il 2019.

Prorogato per ancora un anno il bonus ristrutturazioni in cui rientra anche l’installazione dei montascale ed elevatori Garaventa Lift.

Per tutto il 2019 chi intende installare un montascale a poltroncina, a piattaforma o un elevatore domestico Garaventa Lift potrà usufruire della detrazione del 50% per un tetto massimo di 96 mila euro.

Come per il 2018, sono stati prorogati gli incentivi sulle ristrutturazioni edilizie a tutto il 2019 senza modifiche sostanziali rispetto allo scorso anno.

Detrazione del 50% per l’acquisto del tuo nuovo montascale Garaventa Lift

Fino al 31 Dicembre 2019 si può usufruire della detrazione IRPEF del 50%  per l’acquisto di un montascale Garaventa Lift sia che si tratti di un montascale a poltroncina che a piattaforma.

Possono essere detratte le spese di acquisto e installazione del montascale seguendo la stessa procedura prevista per il 2018.

Consulta la pagina  “CONTRIBUTI, DETRAZIONI E IVA AGEVOLATA”  e scarica la guida informativa per conoscere passo-passo la procedura per ottenere la detrazione sull’acquisto del tuo nuovo montascale Garaventa Lift

Detrazione del 50% per l’acquisto edl tuo nuovo ascensore domestico

La legge di Bilancio ha esteso le detrazioni per l’acquisto e posa di un elevatore o ascensore domestico Garaventa Lift.

Per tutto il 2019 l’installazione del tuo elevatore domestico può essere detratto del 50% nei prossimi 10 anni. Un’occasione da non perdere per poter vivere in pieno comfort e senza ostacoli la tua casa.

Per poter usufruire delle detrazioni previste per il 2019 è necessario seguire la procedura indicata dall’Agenzia dell’Entrate che rispetto al 2018 è rimasta invariata.

Consulta la pagina dedicata ai  “CONTRIBUTI, DETRAZIONI E IVA AGEVOLATA”   per conoscere la procedura che ti consentirà di usufruire della detrazione del 50% sul’acquisto del tuo nuovo elevatore o ascensore domestico.

Risparmia sull’acquisto del tuo nuovo montascale ed elevatore: quali altre agevolazioni oltre alla detrazione del 50%?

Puoi risparmiare sull’acquisto del tuo nuovo montascale o elevatore Garaventa Lift usufruendo delle altre agevolazioni disponibili nel 2019. Le agevolazioni non sono riservate esclusivamente alle persone con una disabilità riconosciuta dagli organi competenti.

Le agevolazioni per l’acquisto di una soluzione Garaventa Lift sono l’IVA agevolata al 4%, la detrazione IRPEF del 19% e il Contributo previsto dalla Legge 13/89.

Scopri nel dettaglio tutte le informazioni per acquistare il tuo nuovo montascale risparmiando. Consulta la pagina  “CONTRIBUTI, DETRAZIONI E IVA AGEVOLATA” 

oppure contattaci.

Chiedete maggiori informazioni